Confindustria, Bonomi: "Lo Stato onori i debiti con le imprese"

confindustria bonomi stato imprese

Confindustria va in pressing sullo Stato e lo fa tramite le parole del suo presidente, Carlo Bonomi, che ha parlato a margine del confronto avuto oggi con il governo nell’ambito degli Stati Generali. "L'impegno contro una nuova dolorosa recessione può avere successo solo se non nascondiamo colpe ed errori commessi da tutti negli ultimi 25 anni", spiega Bonomi. L’ex numero uno di Assolombarda, ha chiesto senza mezze misure che lo Stato onori i "contratti-debiti verso le imprese". A cosa si riferisce?

In ballo ci sono qualcosa come 3,4 miliardi di euro che la Pubblica Amministrazione deve restituire come da sentenza, ma che vengono ancora trattenuti nelle casse dello Stato. "Chiedo immediato rispetto per la sentenza della Magistratura che impone restituzione di 3,4 miliardi di accise sull'energia, impropriamente pagate dalle imprese - insiste Bonomi - e trattenute dallo Stato nonostante la sentenza della Corte di Cassazione che ne impone la restituzione".

Quanto alle misure del governo per contrapporsi all’emergenza coronavirus, Confindustria ribadisce le rimostranze già fatte fin qui dagli industriali: "La cassa integrazione è stata anticipata in vasta misura dalle imprese e così sarà per ulteriori 4 settimane", sottolinea Bonomi che aggiunge anche che "le misure economiche in Italia si sono rivelate più problematiche di quelle in Europa".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO