Palermo, temporale allaga la città: due persone annegate dentro l'auto. Salvini polemizza

Le due vittime sono rimaste intrappolate nella propria auto nel sottopassaggio di via Leonardo Da Vinci.

Acquazzone a Palermo

Dal primo pomeriggio di oggi un fortissimo temporale ha allagato Palermo e due persone sono rimaste intrappolate nella propria auto nel sottopassaggio di via Leonardo Da Vinci, annegando. La vettura è stata raggiunta dai sommozzatori dei Vigili del Fuoco.

Molte altre auto sono rimaste impantanate in altre vie del capoluogo siciliano, anche vicino agli ospedali Civico e Policlinico. Sul viale Regione Siciliana, a causa dei sottopassaggi allagati, si sono formate lunghe code. Inoltre ci sono state numerose chiamate ai Vigili del Fuoco per diversi danni causati dall'acqua, incluse preoccupanti infiltrazioni negli appartamenti.

Una giovane era rimasta intrappolata nell'auto sommersa in via Imera, ma i sommozzatori dei Vigili del Fuoco sono riusciti a salvarla, ma sono tanti gli interventi di questo tipo che i pompieri sono chiamati a compiere in queste ore.

Intanto il sindaco Leoluca Orlando ha spiegato:

"Oltre un metro di pioggia è caduta oggi a Palermo in meno di 2 ore. La pioggia più violenta nella storia della città almeno dal 1790, pari a quella che cade in un anno. Una pioggia che nessuno, nemmeno i metereologi che curano le previsioni nazionali, avevano previsto, tanto che nessuna allerta di Protezione Civile era stato emanato per la nostra città. Se l'allerta fosse stata diramata, sarebbero state attivate le procedure ordinarie che, pur nella straordinarietà degli eventi di oggi, avrebbero potuto mitigare i rischi. Ma non è il momento della polemica che lascio ad altri, anche perché so bene che la protezione Civile opera con grande professionalità basandosi su delle previsioni metereologiche fatte da altri e che oggi evidentemente nessuno poteva fare con accuratezza. Quanto è avvenuto deve spingerci ancora di più ad una profonda riflessione e a fare nostra le parole di ieri del nostro arcivescovo sul modello di sviluppo che sempre più sta alterando il rapporto fra l'uomo e l'ambiente e il clima del nostro pianeta. In queste momenti tutta la macchina comunale è impegnata per affrontare questa emergenza non annunciata al massimo dell'impegno e della professionalità mentre attendiamo con apprensione che i vigili del fuoco ci diano notizie sulle persone che ancora al momento risultano disperse e siamo vicini ai loro familiari"

Anche Alessandro Di Martino, amministratore dell'Azienda Municipalizzata Acquedotto di Palermo, ha dato la stessa spiegazione:

"La bomba d'acqua che ha colpito la città come altre città in tutta la penisola non era stata preannunciata e quindi non erano attive le normali misure di prevenzione previste in caso di allerta meteo. Sono situazioni meteorologiche estreme e non prevedibili almeno in questa intensità, ma l'Amap sta intervenendo con tutte le proprie strutture"

A Palermo non pioveva così tanto in un giorno dal 1797, infatti è stato toccato il record di 79,4 millimetri che non si registrava da quell'anno. E ora la città è l'unica europea ad avere una serie meteorologica completa da due secoli.

Il leader della Lega Matteo Salvini ha subito innescato la polemica:

"A furia di pensare solo agli immigrati, il sindaco Orlando dimentica i cittadini di Palermo: basta un temporale e la città finisce sott’acqua, per non parlare delle bare accatastate al cimitero dei Rotoli. I palermitani meritano molto di più"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO