Guardia costiera libica apre il fuoco sui migranti: 3 morti e 4 feriti

L'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni denuncia che tre migranti sudanesi sono stati uccisi e altri due sono rimasti feriti quando la guardia costiera libica ha aperto il fuoco contro di loro durante le operazioni di sbarco la notte scorsa in Libia.

Il gruppo di migranti era in viaggio verso l'Europa quando è stato intercettato dalla guardia costiera libica e riportato a terra, che significa nuovo periodo di detenzione nei centri libici in cui, come ci riferiscono centinaia di testimonianze, i migranti vengono sottoposti a violenze e torture.

La dinamica dei fatti non è ancora chiara, ma sembra che di fronte ai tentativi dei migranti di ribellarsi alla detenzione la guardia costiera abbia deciso di usare la forza, aprendo il fuoco contro di loro. Tre persone sono rimaste uccise e altre due, rimaste ferite, sono state portate in ospedali locali.

Tutti gli altri migranti fatti tornare a terra sono stati nuovamente trasferiti nei centri di detenzione nel Paese. Federico Soda dell'OIM ha ribadito anche dopo questa tragedia che la Libia non può e non deve essere considerato un porto sicuro:

La sofferenza dei migranti in Libia è intollerabile. L'uso eccessivo della violenza è risultato ancora una volta in perdite di vite.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO