Napoli, inchiesta sugli ospedali COVID: 4 indagati

Quattro persone sono state iscritte nel registro degli indagati dalla Procura di Napoli nell'ambito della nuova inchiesta sugli ospedali COVID in Campania, tre strutture finanziate dalla Regione Campania per un totale di 18 milioni di euro, due delle quali alla fine di luglio non erano ancora entrate in funzione.

A finire nel registro degli indagati al momento sono stati il consigliere regionale Luca Cascone, il presidente della Soresa Corrado Cuccurullo, un manager dell’Asl e Roberta Santaniello, dirigente dell’ufficio di gabinetto della Giunta regionale e membro dell’Unità di crisi.

Le accuse ipotizzate dalla Procura sono concorso in turbativa d'asta e frode in pubbliche forniture in relazione a presunte criticità ipotizzate "in relazione alle procedure di aggiudicazione e di esecuzione" dei lavori per la realizzazione dell'ospedale modulare di Ponticelli.

L'inchiesta, coordinata dai pm Mariella Di Mauro e Simone De Roxas insieme al procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio, è stata estesa anche ai lavori per le strutture modulari di Salerno e Caserta. Negli ultimi giorni sono state eseguite perquisizioni nella sede della Regione Campania, con sequestro di smartphone, tablet e computer.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO