Salvini: "Conte in Tribunale per aver sequestrato mezza Italia"

salvini conte tribunale sequestro italia

Matteo Salvini, dopo la pubblicazione dei verbali del Cts, parte all’attacco del premier Giuseppe Conte. A Perugia per inaugurare una nuova sede della Lega, l’ex ministro dell’Interno ha sottolineato: "Se io vado a processo il 3 ottobre per avere trattenuto poche decine di immigranti per qualche giorno su una barca, allora portiamo Conte e i suoi al Tribunale internazionale perché hanno sequestrato mezza Italia". Il Comitato Tecnico Scientifico aveva proposto al governo di chiudere l’Italia a zone per via dell’epidemia di coronavirus, ma l’esecutivo ha optato per il lockdown totale. Col senno di poi si potrebbe dire una scelta giusta dal punto di vista politico, ma il parere degli esperti non era quello, insomma.

Le conseguenze del lockdown a livello economico sono però state devastanti e secondo Salvini si protrarranno ancora a lungo, tanto che gli italiani manderanno a casa il governo. "Saranno gli italiani a licenziare questo governo. Non è il 'palazzo' che si auto protegge. La metà dei parlamentari - prosegue - non ha una vita fuori di lì e voterebbe il governo anche di Pippo, Pluto e Paperino pur di rimanere attaccati alla poltrona. Temo però che in autunno la situazione economico-sociale sarà complicata e saranno gli italiani a chiedere scelte veloci, rapide ed efficienti. Non sarà la Lega a tendere trappole, ci pensano da soli".

Salvini: "Se andrò in carcere mi porterete arance e salame"

Insomma, Salvini auspica ancora una volta per l’Italia una guida forte, in grado di prendere decisioni efficienti e rapidamente. Poi, ritorna sul suo cavallo di battaglia, quello dei migranti: "Chiudere i porti? Ho dimostrato che possono chiudere - afferma - volere è potere, questo mi costerà qualche processo, ma andrò in quei tribunali a testa alta anche a nome vostro, perché ho difeso il mio Paese, l'onore del mio Paese, la sicurezza, i confini, la dignità del mio Paese. Quindi,sabato 3 ottobre, la mattina pensatemi. Magari voi sarete a Fabriano a scuola, sarete in negozio, quel sabato non sarò a Milano con i miei figli, sarò in tribunale a Catania per rispondere per qualcuno di un reato, per me di un diritto e di un dovere, difendere il mio Paese, finché campo difendo il mio Paese. Se mi costerà il carcere, vuol dire che andrò in carcere, mi farete compagnia, mi manderete due arance e un po' di salame", conclude.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO