Scuole aperte da oggi in Alto Adige. Azzolina: "È un segno di rinascita per il Paese"

La ministra: "Ingiusto essere accusati di ritardi".

Riapertura scuole Azzolina e Conte

Questa mattina sono state riaperte le prime scuole in Alto Adige e circa 91mila studenti sono tornati sui banchi dopo sette mesi. È la prima zona d'Italia ad aver avviato l'anno scolastico che parte ufficialmente per tutti la prossima settimana, il 14 settembre.

La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina stamattina è intervenuta ad Agorà, su Raitre, e ha detto:

"La ripartenza della scuola è un segno di rinascita per il Paese"

Poi ha lanciato una frecciata alle opposizioni:

"Essere accusati di ritardi è ingiusto, in due mesi consegneremo 2,4 milioni di banchi, Arcuri sta lavorando e tanti banchi sono già arrivati, via via arriveranno altri e a settembre la scuola primaria sarà quasi tutta coperta"

Intanto in classe tutti gli studenti che hanno più di 6 anni d'età dovranno indossare la mascherina sempre, tranne nei "momenti di staticità".

Ricordiamo che oggi il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte firma una nuovo DPCM con il quale proroga le norme anti-covid fino alla fine di questo mese e tra le regole c'è anche quella che riguarda i mezzi pubblici, che possono essere riempiti all'80% della loro capienza, ma garantendo efficaci sistemi di aerazione e di ricambio dell'aria.

Gli scuolabus possono essere riempiti al 100%, ma solo se il viaggio dura meno di 15 minuti. Anche sugli scuolabus tutti gli studenti con più di sei anni devono indossare la mascherina, a meno che non siano garantiti dei posti singoli allineati, evitando così che i ragazzi siano posizionati "faccia a faccia".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO