Tsunami Tour Napoli - Beppe Grillo attacca Ingroia: "E' un bidone aspiratutto" (VIDEO)













Beppe Grillo e Antonio Ingroia: ovvero come passare da quasi alleati a nemici nel giro di poche settimane. Se fino a poco fa i rapporti erano tesi ma ancora si ragionava di una possibile alleanza tra Movimento 5 Stelle e Rivoluzione Civile, il caso legato alla candidatura di Giovanni Favia nelle liste del partito del magistrato ha portato alla completa rottura tra i due. E adesso il comico va all'attacco di Ingroia senza mezzi termini. Come si è visto ieri sera, nella tappa napoletana dello Tsunami Tour.

Ingroia? Fa la foglia di fico, comincia a essere un bidone aspiratutto. Io lo ringrazio perché è venuto nel nostro movimento ad aspirare un po’ di dissidenti, mettiamo anche un premio di maggioranza, magari ogni tre ne regaliamo uno



Tra i due ormai è guerra: una guerra cominciata, a dire la verità, proprio da Ingroia, che non solo ha costruito un movimento che mira apertamente a conquistare una parte dell'elettorato del M5S, ma ha anche imbarcato alcuni dei quasi-alleati di Grillo, come Di Pietro e De Magistris, e sta cercando di fare razzia dei dissidenti. Anche se per il momento l'unico nome di spicco che è riuscito a portare dalla sua parte è quello dell'ambizioso Giovanni Favia. E però un po' di rispetto - almeno nei confronti di De Magistris - ancora c'è.

Per amministrare Napoli bisogna essere eroi, non potete prendervela con De Magistris, ha fatto quello che ha potuto. E' una città che aveva dei problemi enormi, e lui non è il peggiore di tutti, si è circondato anche di buone persone con buone intenzioni.

E poi dal palco partono le invettive, per dare merito al Movimento 5 Stelle di aver costretto i partiti a fare un po' di pulizia al loro interno (cosa abbastanza vera) portando la prova dell'esclusione di Nicola Cosentino.

Questo è un movimento che sta sgretolando i partiti. Destra, sinistra, vengono fuori. Adesso sono costretti dalla gente del web a togliere i loro ricercati dalle liste. Il Pd ne ha tolti 14, Cosentino non si trova, è scappato con le liste. Sarà con Corona in giro. Si stanno sciogliendo: su Pdl.it adesso vogliono le liste senza condannati dentro, e chi li vota? Vuol dire che le nostre idee erano serie.

Ma Beppe Grillo ancora non si pronuncia sulla questione dell'impresentabile del Movimento 5 Stelle.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO