Nord Corea lancia sette missili, modificata l’agenda del G8


A poche ore dall’inizio del G8, previsto per domani 8 luglio a l’Aquila, è scoppiato un caso internazionale che potrebbe modificare l’agenda dei lavori. Nello stesso giorno in cui gli Stati Uniti festeggiavano l’Independence Day il Governo della Corea del Nord sfidava l’amministrazione Obama lanciando sette nuovi missili balistici dalla propria costa est.

Secondo chi ne ha fatto la cronaca, il Governo di Pyongyang avrebbe ricordato il proprio potenziale bellico lo scorso 4 luglio per invitare implicitamente i media a non occuparsi della visita del presidente cinese Hu Jintao in Italia.

I due paesi, prima dell’incontro organizzato dal Quirinale, non avevano rapporti diplomatici ufficiali da più di dieci anni. Tra la Cina e in Nord Corea i rapporti si sarebbero fatti più tesi dallo scorso maggio, quando Pechino per limitare le provocazioni militari di Pyongyang avrebbe proposto al trono del Paese Kim Jong-un, figlio dell’attuale leader Kim Jong-il.

Ad oggi non sono stare rese note le motivazioni a causa delle quali la trattativa non andò a buon fine. Migliore non è la situazione con gli Stati Uniti. I rapporti con il Paese asiatico sarebbero in fase di stallo da più di sei mesi. In cambio del disarmo completo il Presidente Obama avrebbe garantito al Nord Corea un aiuto economico internazionale.

  • shares
  • Mail
25 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO