Grillo (più Di Pietro) volano nei sondaggi. Ma ...

Fuori fanno finta di non aver sentito. Ma nei palazzi e nei loft lo scossone della discesa in campo di Beppe Grillo con il suo Movimento di Liberazione Nazionale ha mandato in tilt i big dei partitoni, e non solo.

Con il ko della sinistra e la crisi cronica del Pd, non manca certo lo spazio per una nuova formazione “alternativa” come quella di Grillo che ha trovato subito una sponda importante nell’Idv di Antonio di Pietro.

C’è divisione nel valutare l’impatto di un tale partito, ma già i sondaggi prevedono che se davvero Grillo e Di Pietro si presenteranno uniti alle prossime regionali del 2010, facilmente oltrepasserebbero la soglia del 10 per cento.

Quindi, un partito sin dall'avvio elettoralmente più forte della Lega di Bossi, un partito fondamentale per qualsiasi alleanza. Ma, c’è sempre un ma.

Gli italiani non amano questa politica e questi politici. Men che meno, però, amano gli scossoni, le avventure, gli assalti alla baionetta. Mettere alla gogna gli avversari politici, snidare con tutti i mezzi gli evasori fiscali, creare un clima da caccia alle streghe, rivoltare l’Italia come un calzino potrebbe essere la rivoluzione tanto attesa ma per niente gradita dagli italiani.

Poi, quando il gioco si fa duro, alla fin fine, sarebbe duro per tutti. A cominciare da Grillo e Di Pietro, poi non così cristallini e angelici come vogliono apparire.

  • shares
  • Mail
94 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO