La stucchevole polemica tra Giornale e Repubblica. Quando l'autoreferenzialità viene elevata a valore


Chi di voi ha visto un classico del western come Sfida all'Ok Corral avrà ancora negli occhi l'epopea della frontiera, fatta di pistole fumanti e caratteri scolpiti con l'accetta, in una dicotomia tra buoni e cattivi che non ammette zone grigie.

Dalle nostre parti dobbiamo invece accontentarci del classico duello all'amatriciana tra cugini di sponda opposta, in una sorta di anticipo giornalistico del derby Milan-Inter in programma sabato sera. Intendiamoci, il clima di odio tra le due testate c'è sempre stato, e anche ai tempi di Montanelli e Scalfari si sprecavano gli attacchi reciproci in punta di penna. Ma come immaginerete gli argomenti erano elevati, e i protagonisti di ben altro spessore.

Oggi invece tocca assistere al botta e risposta sulle attività amorose del Cavaliere o, come accade in questi giorni, al battibecco D'Avanzo-Feltri sulla questione dell'eredità Agnelli e se l'Avvocato (e famiglia) abbiano o meno evaso il fisco nel corso della loro lunga carriera al timone industriale del Belpaese.

Il punto è che se la questione appare di indubbio interesse, molto meno lo è il piccolo litigio della stampa, un po' alla stregua di quei programmi radiotelevisivi pseudo-comici che credono di far ridere prendendosi reciprocamente in giro. L'autoreferenzialità al potere, in quello che temiamo possa considerarsi un anticipo della nuova linea Feltri.

O tempora o mores.

  • shares
  • Mail
41 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO