Annozero nuova stagione: Travaglio affiancato da un editorialista di destra?

Fervono i preparativi per la nuova stagione di Annozero, che secondo il sito ufficiale prenderà il via il 24 settembre, sempre al giovedì su Raidue. Quel che potrebbe cambiare è invece la struttura del programma. Marco Travaglio e Michele Santoro sono ovviamente intoccabili, ma si prospetta una novità che sta già sollevando svariate polemiche.

Travaglio potrebbe essere affiancato da un editorialista di centro-destra; una figura paritetica alla sua in tutto e per tutto, che dovrebbe fare da contraltare e riequilibrare l'indirizzo politico della trasmissione. Mistero fitto per ora sul nome della persona, sempre ammesso che il progetto vada in porto.

Interrogato sulla vicenda, Travaglio ha dichiarato di ignorare completamente il progetto e di sapere solo di essere stato confermato in trasmissione dal suo stesso conduttore.

"Nessuno mi ha detto niente, sono fermo a quest'estate quando Santoro ha detto che dovevo tornare ad Annozero. Oggi l'ho chiamato ma il suo telefono era spento. Mi richiamerà".

Va detto che l'eventuale affiancamento potrebbe non essere del tutto sgradito a Santoro, che si ritroverebbe in un'arena ancor più bellicosa della scorsa litigiosissima stagione. E gli scontri politici fanno audience, si sa. Meno entusiasta probabilmente il giornalista del Fatto, ben più avvezzo a lunghi monologhi che al dibattito, come si è notato dal suo frequente mutismo durante la scorsa stagione di trasmissioni, discorsetto introduttivo a parte.

Rimane naturalmente il fatto che Annozero, e Raitre in generale, rientrano nella quota Rai in mano alla sinistra, e difficilmente questo cambierà. Probabile che la nuova figura - sempre che venga effettivamente introdotta - assuma il ruolo di una sorta di super-ospite fisso, non troppo differente dagli esponenti di centro-destra normalmente invitati da Santoro.

Intanto si fanno sempre più insistenti le voci che vedrebbero l'arrivo a Raitre della coppia Minoli-Mentana. Il primo alla rete, il secondo alla guida del telegiornale. Anche questa notizia, peraltro smentita dal presidente Rai Garimberti, ci lascia alquanto perplessi. Difficilmente il Pd, editore di riferimento del terzo canale, accetterà un così netto spostamento verso il centro rispetto alla linea degli attuali direttori Ruffini e Di Bella. Più probabile, almeno nel caso di Mentana, un suo spazio indipendente al di fuori del Tg, o comunque senza compiti dirigenziali.

  • shares
  • Mail
35 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO