Cinquecento deputati "indegni" , assenti alla Camera per l'eccidio di Kabul

Da queste colonne (e non solo) auspichiamo e rivendichiamo spesso un Parlamento “alto”, non mortificato da nessuno, reale espressione popolare e democratica, all’altezza dei compiti e del dettato costituzionale. Ma sono i parlamentari che fanno il Parlamento.

Seicentotrenta “fannulloni” (poche le eccezioni), senza dignità, cui poco importa del Paese, comprese le sorti dei suoi figli migliori, come quelli ammazzati ieri a Kabul.

Solo 100 deputati erano presenti ad ascoltare la relazione del governo sul gravissimo attentato di Kabul.

Non c’è qui lo spazio per fare i nomi degli assenti, primo fra tutti, il premier (fra i presenti, oltre ai ministri, La Russa, Alfano, Fitto, il vice Romani, i sottosegretari Miccichè e Crosetto, poi una quarantina di Democratici con Franceschini, D’Alema, Parisi, una decina dell’Idv, una decina dell’Udc con Casini, una cinquantina del Pdl, quattro leghisti).

Insomma, una poltrona occupata ogni sei vuote. Insomma, uno spettacolo indegno. Insomma, una vergogna. Tutta italiana

  • shares
  • Mail
32 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO