Il Pdl impone lo sbarramento del 4% anche per le Elezioni Regionali


L'ultima trovata del Popolo della libertà e del suo condottiero rischia di riaprire tutti i giochi e di rimettere in discussione le strategie per le Regionali del marzo 2010. Da martedì sarà in discussione alla Commissione Affari costituzionali della Camera la proposta di legge firmata da Giuseppe Calderisi per introdurre la soglia di sbarramento del 4% anche nelle Regioni, procedendo così con il sistema di "semplificazione politica" che ha già portato all'eliminazione di varie forze politiche dal Parlamento Europeo e da quello nazionale.

Il dubbio sulla possibilità di regolamentare con legge nazionale una questione come le regole elettorali regionali sembra già stato accantonato e i lavori verranno adeguatamene spinti per arrivare all'approvazione in tempi rapidi, in modo da poter applicare il nuovo sistema già alle Regionali 2010.

Oltre ad essere di difficile comprensione l'urgenza e la necessità di questo provvedimento (non si capisce quali sarebbero in Italia le Regioni che hanno problemi di governabilità legati ai piccoli partiti, soprattutto in un quadro di regole per le quali il Presidente viene eletto direttamente e le sue eventuali dimissioni provocano lo scioglimento del Consiglio regionale) non si riesce a leggere questa norma nell'ottica dello sbandierato federalismo. L'unica spiegazione potrebbe invece riguardare l'esigenza del Pdl (ma anche del Pd) di mettere con le spalle al muro ogni sorta di alleato riottoso (Udc, Prc, Sinistra e libertà, Idv, la Destra...), costringendolo a scegliere tra un'alleanza a qualsiasi costo e la sparizione dai Consigli regionali.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO