Elezioni 2013: La lettera per la restituzione dell'IMU e i tre reati di Berlusconi


Che non fosse proprio una cosa pulita si era intuito: la lettera inviata da Silvio Berlusconi con le modalità per la restituzione dell'Imu può sembrare - soprattutto all'elettorato più anziano e/o distratto - vera. Non si parla di promesse elettorali, non si parla di ipotesi, si dice: "Lei avrà diritto ad essere rimborsato" oppure "L'amministrazione finanziaria le invierà". In più da nessuna parte sul plico c'è scritto che si tratta di propaganda elettorale. Ed ecco che oltre a gridare all'imbroglio - come ha fatto Bersani - si pensa di denunciare il leader del Pdl, che avrebbe commesso tre tipi di reato diversi, così, per non farsi mancare nulla nel suo curriculum.

Del primo parla Ingroia, leader di Rivoluzione Civile e magistrato in aspettativa, al Fatto Quotidiano:

Berlusconi ha commesso un reato, anzi due previsti dagli art. 96 (denaro in cambio di voti, ndr) e 97 (voto ottenuto con “raggiri e artifizi“, ndr) della legge elettorale del ’57

Voto di scambio, quindi. Quella che era una battuta di Mario Monti per reagire alla proposta shock potrebbe trasformarsi in qualcosa di più? Convince però quasi di più la questione del "voto ottenuto con raggiri", visto che la missiva è in effetti ingannevole, ma come si fa a dimostrare che il voto è stato ottenuto? Altre ipotesi di reato arrivano dall'avvocato del Partito Democratico:

Ci sono persone che non leggono giornali e vedono il tg di corsa. Quando qualcuno gli promette denaro sonante, e quel signore che promette è l’ex presidente del Consiglio, c’è la speranza di ottenere sul serio un beneficio. Berlusconi approfitta della sua credibilità istituzionale.

La frase centrale è "approfitta della propria credibilità istituzionale". Per questa ragione, prosegue l'avvocato, ecco quali sono i reati che potrebbero venire imputati a Berlusconi.

Millantato credito, tanto per iniziare. Oppure usurpazione di pubblica funzione, articolo 347 del codice penale. Recita l’articolo: “Chiunque usurpa una funzione pubblica o le attribuzioni inerenti a un pubblico impiego è punito con la reclusione fino a due anni”. Qui abbiamo un parlamentare che si sostituisce alle funzioni del (futuro) governo indicando con precisione tempi e modi di un atto amministrativo.

Difficile che la cosa abbia un seguito, ma la mossa dimostra come Berlusconi sia disposto a tentarle tutte per cercare di conquistare con le unghie e con i denti ogni singolo voto possibile da qui a domenica. La proposta shock dell'Imu non si era rivelata così decisiva come il Cavaliere aveva pensato, ma questa nuova trovata dell'ultim'ora potrebbe riuscire a ridare energia a Berlusconi proprio a pochi metri dal traguardo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO