Elezioni 2013: Oscar Giannino «Non ho titoli accademici»


In queste ore la direzione nazionale di Fare per Fermare il declino deciderà sulle annunciate dimissioni di Oscar Giannino. È impossibile ritirare la candidatura a premier, ma il giornalista economico dai look singolari si è detto disposto a rinunciare al seggio in caso di elezione e a lasciare il movimento. Intanto però emergono altri particolari sui titoli accademici "millantati" da Giannino, che vanno oltre l'ormai famoso master alla Chicago Booth che ha causato le dimissioni di Luigi Zingales. Intervistato ieri sera da Enrico Mentana al Tg La7, Giannino ha ammesso di non essere laureato:

Io faccio questo mestiere da 30 anni. Non ho mai speso titoli accademici che non ho per posti, cariche di qualunque tipo. Nel tempo si è accumulato su Internet una serie di attribuzioni di titoli che non ho e non ho mai usato. […] Io ho dato qualche esame di legge, poi ho studiato per fatti miei.

Giannino ha detto di aver subito rettificato la questione del master di cui aveva parlato a Repubblica Tv, ma visto che la contestazione di Zingales riguardava più in generale la sua credibilità e il rapporto di fiducia con l'elettorato di Fare, ha deciso di riunire la direzione nazionale del movimento e fare un passo indietro presentandosi come dimissionario.


I look di Oscar Giannino alle Elezioni 2013


Quindi Oscar Giannino non solo non ha preso un master a Chicago, ma non ha neppure le lauree (due) in Giurisprudenza ed Economia che gli vengono accreditate in alcune biografie su Internet. Questo potrebbe avere importanza relativa, visto che Giannino si è scusato ed ha ammesso il proprio errore. Il punto è che è difficile credere che queste biografie si siano diffuse su Internet senza che il giornalista abbia mai controllato. In questi giorni sta circolando un vecchio screenshot del cv di Giannino sul sito dell'Istituto Bruno Leoni, di cui il giornalista è "Senior Fellow". Fino a 48 ore prima della denuncia di Zingales, si parlava esplicitamente di un Giannino "laureato in Giurisprudenza ed Economia e ha conseguito il diploma in Corporate Finance e Public Finance presso la University of Chicago Booth School of Business". Questa biografia è sparita ed è stata presto sostituita con una nuova, in cui non si parla di titoli accademici. Il curriculum, secondo Giannino, è stato trascritto da uno stagista che lo aveva preso dalla pagina di Wikipedia, che il giornalista non usa.

Il punto è che nelle ultime ore stanno circolando due video in cui il candidato premier parla di nuovo dei suoi titoli accademici, e lo fa in maniera inequivocabile. Il primo video riguarda un incontro di Fermare il declino a Ferrara


Al minuto 35 Giannino presenta Zingales e ricorda "insegna anche all'università Chicago Booth, dove io ho preso il master in Corporate e Public Finance", le stesse parole dette a Repubblica Tv. Insomma, in quel caso non si è trattato di una gaffe o di una sbruffoneria. Il secondo video è del 2008 e proviene da un convegno dell'ASMVI Associazione San Michele Valore Impresa

Nel suo intervento, Giannino racconta tre aneddoti, e il terzo riguarda proprio il fantomatico master:

Ricordate sempre quello che disse a me, il primo giorno del mio master a Chicago, quello che poi divenne Nobel...ehhm...Bob Arrow! Diceva: "La distinzione è che chi ha un titolo di studio inferiore può, al massimo, se starà male nella vita, rubare nelle carrozze dei treni. Chi ha un master, può rubare un'intera ferrovia"

Di nuovo il master, in cui avrebbe insegnato anche un premio Nobel. Ma, come riporta anche Dagospia, non esiste nessun Bob Arrow premio Nobel, semmai Kenneth Arrow, che però ha vinto il premio nel 1972, quando Giannino aveva 11 anni, e che comunque non risulta aver insegnato in un master a Chicago, anche se ha lavorato come assistente in quell'università tra il 1948 e il 1949.
Insomma, quello che emerge è una catena di omissioni miste a bugie, e se è vero che Giannino non ha mai millantato titoli per incarichi pubblici, è anche vero che il suo movimento fa della meritocrazia e della trasparenza uno dei punti cardine. Vedremo oggi cosa deciderà la direzione nazionale.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO