La Corte Costituzionale è un organo politico e di sinistra. L'ultima balla di Re Silvio


Con i curricula sciorinati a Porta a Porta e le panzane sparate a tutta forza dai telegiornali asserviti a Re Silvio, potrebbe essere nato il dubbio che la Corte Costituzionale sia un covo di agitatori comunisti che non nascondono una antipatia e una ostilità assoluta e preconcetta nei confronti del capo della Fininvest e, anche, del Governo.

Ma davvero Silvio Berlusconi riceve solo delusioni da questi magistrati vestiti solo di eskimo e passamontagna? Sul serio il Governo trova nella Corte un ostacolo ideologicamente schierato a difesa del centrosinistra? Pare proprio che non sia così. E ce lo dimostra il sito della Corte Costituzionale, dove troviamo giudizi e decisioni della Consulta. Se la realtà fosse quella descritta dai talebani del Pdl e dal mullah Silvio, per quale ragione il Governo dovrebbe perdere tempo a promuovere ricorsi contro le leggi emanate da Regioni governate dal Centrosinistra? La bocciatura del ricorso dovrebbe essere automatica a causa della pregiudiziale ostilità dei giudici che hanno bocciato il Lodo infame.

Invece, non più tardi del 23 luglio 2009 la Corte ha dato ragione al Governo contro una legge delle Marche (centrosinistra); a gennaio il Governo ha impugnato la legge della Puglia (centrosinistra) sull'energia; a marzo 2009 c'è stato il ricorso contro la Toscana (centrosinistra) e poi contro il Lazio (centrosinistra). Insomma, se questa Corte è così ostile, perché Silvio spreca tutte queste marche da bollo per presentare ricorsi contro le Regioni rosse?

  • shares
  • Mail
34 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO