Lodo Mondadori: chiesta la sospensione. La Fininvest rischia il fallimento


La sentenza del giudice Raimondo Mesiano sul Lodo Mondadori ha spaccato il paese; o meglio, ha confermato la dicotomia odio/amore che in Italia Berlusconi ispira da sempre. Il gruppo Mediaset questa volta ci ha anche messo del suo, per esempio con l'assurdo servizio di Mattino 5 su Mesiano, ma rimane il fatto che i 750 milioni di multa regalati alla Cir di De Benedetti rappresentano una cifra senza precedenti, talmente elevata da portare il gruppo sull'orlo del baratro.

Possiamo davvero permetterci di gettare alle ortiche in questo modo uno dei pochi gruppi che ancora crea occupazione in questo paese? E tutto questo senza aver mai beneficiato di alcun aiuto statale? Ricordo che ci troviamo sempre nel paese in cui la Fiat della famiglia Agnelli si è retta esclusivamente sulle tasse dei contribuenti, e in cui l'allora Olivetti dello stesso De Benedetti è stata salvata più volte con commesse governative discutibili, fino ad autodistruggersi comunque.

È in quest'ottica che dobbiamo anche vedere la richiesta dei legali Fininvest di sospendere il pagamento della multa almeno fino all'esito dell'appello, previsto non prima di due anni. Anche perché si teme che De Benedetti per allora non avrà più una lira, dovendo trasferire gran parte del malloppo alle banche, e dunque anche in caso di rovesciamento della sentenza Fininvest si ritroverebbe con un pugno di mosche. O magari avrebbe già mandato a casa centinaia di lavoratori nel tentativo di non fallire.

Una delle argomentazioni portate è l'alta probabilità di vedere smentita la decisione di Mesiano. Decisione che - ricordiamolo - verte sulla sentenza di condanna per corruzione del giudice Metta (con Previti). Metta era uno dei 3 magistrati che arbitrarono il Lodo Mondadori, ma gli altri due hanno più volte confermato di non aver subito alcuna influenza e che anche oggi prenderebbero la stessa identica decisione.

È utile ricordare anche che De Benedetti in seguito ottenne Espresso e Repubblica proprio per chiudere la vertenza Mondadori. Il tutto con la mediazione di Andreotti, come vi abbiamo spiegato precedentemente in una ricostruzione storica della vicenda. Se la sentenza sul Lodo rimarrà questa, dovrebbe anche esserne rimessa in discussione questa appendice.

Un vero vespaio, come si vede.

  • shares
  • Mail
55 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO