Ma che ci fanno 60 milioni di Berlusconi alla Banca Arner? Le rivelazioni di Report



Quando ieri abbiamo presentato la puntata serale di Report, dal titolo La banca dei n.1, non ci aspettavamo una serie di rivelazioni così esplosive (e tuttavia passate relativamente sotto silenzio negli organi di stampa). L'istituto in questione è la Banca Arner, svizzera e molto discussa perché in sospetto di riciclaggio. Ma soprattutto al centro di verifiche da parte di Bankitalia.

Nei suoi forzieri troviamo i tesori di molti numero uno italiani, per l'appunto, tra cui Ennio Doris, fondatore di Mediolanum, la famiglia Previti e l'avvocato Acampora (condannato con Previti per il Lodo Mondadori) ma anche Teresa Macaluso, moglie di Francesco Zummo, costruttore di Palermo, considerato in odore di mafia dalla procura del capoluogo siciliano.

Quest'ultima ha un conto di 13 milioni, certamente molto meno dei 60 di Berlusconi, cui però ne vanno sommati altri 50 riconducibili a holding di proprietà di Marina e Piersilvio. Non che in tutto questo ci siano dei reati riconosciuti, almeno fino a a conclusione dell'inchiesta, ma ci domandiamo fino a che punto sia etico per il capo del Governo depositare i propri denari in Svizzera, e soprattutto, citando Milena Gabanelli, «se non sarebbe opportuno, per il premier, prendere i suoi 60 mi­lioni di euro, spostarli da lì (la Banca Arner) e depositarli in un’altra banca italiana un po’ più trasparente».

  • shares
  • Mail
91 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO