Ore 12 - Silvio Berlusconi sullo "spiedo" a fuoco lento

altroIl padre padrone del Pdl era e resta indiscutibilmente uno solo: Silvio Berlusconi.

Ma la gente vede il Cavaliere taciturno, cupo, colmo di malumore, con un partito sempre più diviso, in polemica permanente, in uno stato di confusione.

Le stilettate dell’ “ingrato” Fini sono diventate palle di cannone contro il premier, il quale sa che il primo a volerlo abbattere è proprio il presidente della Camera.

C’è la corsa a smarcarsi su nodi fondamentali quali l’economia, la giustizia, l’immigrazione, il testamento biologico. Sulle dimissioni di Cosentino è pronto il blitz Pd-finiani: una bomba! Insomma c’è il caos da “fuoco amico”. Uno stato di precarietà che si ripercuote sul governo, paralizzato.

Persino il misuratissimo braccio destro Gianni Letta si sbilancia: “In tanti anni non ho mai visto Silvio così. In questa situazione non si può escludere nulla”.

Tradotto, vuol dire che Berlusconi è oramai sullo spiedo a rosolare a fuoco lento (il tam tam sugli avvisi di garanzia in arrivo dalla procura di Palermo infuoca la situazione) e medita, spinto dai suoi “falchi”, la tentazione plebiscitaria, il colpaccio del voto anticipato.

Per fare il pieno di voti, chiudere il teatrino interno, eliminare con un colpo di spugna gli alleati/amici/nemici e i nemici/nemici, fare di Palazzo Chigi la fortezza inespugnabile per poi, spianata la strada, puntare sul massimo obiettivo: il Colle.

Ma il Cav stavolta rischia di fare le pentole senza i coperchi: il voto anticipato, sempre un rischio, liquiderebbe il Pdl, con annessi e connessi.

Che per Berlusconi non tiri più aria buona lo dicono anche i sondaggi. Per la prima volta, nelle intenzioni di voto, si è ridotta la forbice tra il Pdl (calato al 38,7%) e il Pd (salito oltre il 31%).

C’è sabbia negli ingranaggi del Pdl, anch’esso, come il Pd, un “amalgama mal riuscito”. Il collante delle poltrone non basta più.

Il momento della verità s’avvicina. E’ giunta l’ora della resa dei conti. Per chi suona la campana? Forse per la legislatura, addirittura per la seconda repubblica. E per l’intero paese.

  • shares
  • Mail
43 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO