Antonello Piroso come Claudio Brachino. Il Grande Fratello è Silvio Berlusconi?



Mai come oggi la televisione non è stato solo un elettrodomestico. Dentro, fuori e attorno sempre più si consumano tutta una serie di situazioni che stanno deteriorando la politica dimostrando che la distanza tra gli amministratori e i cittadini sta drammaticamente crescendo.

Solo nelle ultime 48 ore si sono registrati tre episodi che testimoniano questo cortocircuito. Ad innescarlo, tra gli altri, tale Luciana Pedoto del Partito Democratico che non sapendo (evidentemente) di cosa preoccuparsi ha elaborato un’interrogazione parlamentare affinché nella casa del Grande Fratello vengano vietate le sigarette. Se ne sentiva l’esigenza.

A proposito di bisogno. Una certa piaggeria, o disattenzione, potrebbe costare cara a Claudio Brachino. L’ordine dei giornalisti della Lombardia ha infatti aperto un provvedimento disciplinare contro il giornalista di Mediaset a seguito del servizio relativo al pedinamento del giudice Raimondo Mesiano.

Ma il direttore di Videonews non è l’unico che si sta giocando la reputazione. Oltre a lui anche Antonello Piroso rischia di bruciare la credibilità che ha acquisito lavorando duro su la7.

Attraverso un comunicato la redazione del telegiornale si è schierata a favore di Silvia Resta a cui il direttore ha censurato un’inchiesta riguardante il rapporto tra Stato e Mafia.

La giornalista è stata poi accusata dallo stesso Piroso di schierarsi contro Silvio Berlusconi.

Dentro, fuori e attorno. È la politica ad aver rovinato la televisione. O viceversa?

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO