Conclave 2013: papa nero? La nazionalità non è così importante

Conclave 2013: papa nero? La nazionalità non è così importante

In vista del Conclave che porterà all’elezione del successore di Benedetto XVI sempre più cardinali rilasciano interviste, fornendo qualche spunto interessante su chi potrebbe essere il prossimo pontefice. Mentre a Roma impazzano i manifesti pro Turkson papa, il cardinale portoghese José Saraiva Martins, 80 anni, già prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, sposta l’attenzione su un altro elemento e cioè l’internazionalità della chiesa (o, se preferite, la sua sovranazionalità). Afferma il porporato:

La Chiesa non ha colori, non è bianca, gialla o nera. Perciò, un Papa può essere bianco, europeo, latinoamericano, africano o asiatico. Non esiste alcun problema, la Chiesa non ha colori.

Conclave 2013: le congregazioni generali

Al cardinale portoghese fa eco, in un certo senso, un’altra dichiarazione, questa volta del cardinale Theodore Edgar McCarrick, Arcivescovo emerito di Washington, che di anni ne ha 82 e quindi non entrerà in Conclave. Il porporato prima traccia un identikit spirituale del prossimo pontefice che dovrà:

essere un uomo santo perché deve chiamarci tutti alla santità. Un uomo che comprende la Curia, non necessariamente uno all’interno della Curia. Ma sicuramente una persona che guardi a ciò che è buono nella Curia, e la valorizzi, e che riorganizzi ciò che invece non va bene.

E poi fornisce un mezzo endorsement al cardinal Timothy Michael Dolan, Arcivescovo di New York:

Credo che sarebbe uno splendido papa. Ma non sono sicuro che sia il tempo per un americano.

Le Congregazioni generali


Conclave 2013: il giuramento di segretezza dei cardinali

Intanto le Congregazioni generali vanno avanti. Dopo il giuramento di segretezza prestato da tutti i partecipanti, il decano del collegio cardinalizio, Angelo Sodano, ha proposto di inviare un messaggio al “papa emerito” (dicitura questa sulla quale molti non sono d’accordo).

I cardinali hanno discusso di vari argomenti, tra cui il caso Vatileaks e anche dello scandalo sessuale che ha coinvolto il cardinal O’Brien che proprio in queste ore si è assunto tutte le sue responsabilità.

Quale papa vorrebbero i cattolici?


Conclave 2013: i cardinali elettori

Antonio Gaspari, su Zenit, traccia un profilo del pontefice secondo i fedeli, profilo un po’ troppo idilliaco e nostalgico, a mio modo di vedere:

Dalle interviste, dai blog, dai pensieri diffusi liberamente su Facebook e su Twitter si avverte una gran nostalgia di un Pontefice come il giovane Giovanni Paolo II, un candidato umile e buono, gran comunicatore, che incontra le genti in tutte le parti del mondo, che affascina i giovani e che riempie le piazze del pianeta. Con grande rispetto per Benedetto XVI, sono espliciti anche i desideri per un Pontefice solido e chiaro nella dottrina, l’ideale sarebbe un mix tra l’entusiasmo e l’allegria di Giovanni Paolo II e un giovane Joseph Ratzinger.

Quel “giovane Joseph Ratzinger” la dice lunga, soprattutto visto che Ratzinger è salito al soglio pontificio da “vecchio”...

Foto | Getty
Infografiche | Centimetri

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO