RU 486: la bocciatura del Senato grazie a PdL e Lega

ru 486 bocciata senato

La RU486 non potrà essere immessa in commercio, a seguito del voto favorevole della coalizione che la Libertà ce l'ha solo nel nome. L'indagine voluta da Gasparri, presentata dal Senatore Antonio Tomassini, grazie ai voti di PdL e Lega, ha fermato l'immissione sul mercato della pillola RU486, una conquista assolutamente ovvia per le donne di pressoché qualunque altro Paese europeo. Da noi, no. E' il Popolo della Libertà!

Che dire? Che siamo un Paese orrendamente bigotto, asservito ai più schifosi equilibri vaticani, che, come detto sopra, la coalizione che ci governa ha la Libertà solo nel nome? Che i diritti individuali, le scelte che dovrebbero attenere solo al singolo, sono appaltate a gente del genere? Noi avevamo scritto parecchio sulla RU486: dimostrandovi per prima cosa, come non fosse più pericolosa di un aborto chirurgico. Fosse solo un'alternativa. Non il festival della morte annunciato dai vari Giuliano Ferrara, Quagliariello, e via conformizzando.

Poi vi avevamo mostrato che nel resto d'Europa, è assolutamente normale: e che in Italia, paradosso dei paradossi, era inizialmente passata solo per un presunto conflitto di interessi - in questo caso, per un estremo assurdo, declinato in forma positiva! - tra il Ministro del Welfare Sacconi e sua moglie, Presidente di Farmindustria - Giovanni ne aveva scritto - e che il resto del mondo guardava come sempre un po' sbigottito nel cortile di casa nostra. Il Washington Post scrisse ai tempi...

Sviluppata nei primi anni ’80 in Francia, il Mifepristone o RU-486 è disponibile come farmaco da vendersi su ricetta medica negli Stati Uniti e in quasi tutta l’Unione Europea tranne in alcuni dei paesi più cattolici come il Portogallo, l’Irlanda e finora in Italia.(..) Resta da vedere quanti dottori la prescriveranno dal momento che, secondo un rapporto del Ministero della Salute, circa il 70% dei medici italiani sono “obiettori di coscienza” che rifiutano di praticare aborti nelle loro cliniche o ospedali

Voi donne che avete votato PdL cosa ne pensate? Scrivete una mail al Senatore Antonio Tomassini. Fategli sapere come e cosa pensate di una persona che vuole farvi soffrire, se possibile, più ancora di quanto soffriate già, se vi capita di dover interrompere una gravidanza. Ma che gli scrivano anche gli uomini. La Libertà che hanno in mente loro, è questa. Tenetelo a mente.

  • shares
  • Mail
40 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO