Procura di Roma: tutte le accuse a Pecoraro Scanio


Di lui ci si ricorda più spesso per l'outing, che per altro. Ma Alfonso Pecoraro Scanio, è un cavallo di razza. Capace di sopravvivere per legislature su legislature senza fare in pratica nulla. Verrebbe da invidiarlo: peccato che ora la temibile "giustizia ad orologeria" abbia colpito anche lui. Certo; si parla di viaggi pagati a spese del contribuente, piuttosto che di vacanze e Miami o alle Canarie, soggiorni a Milano nell'hotel a sette stelle (!) Town House, e non se ne parla al bar, ma nelle carte di un'inchiesta della Procura di Roma.

Tutto da dimostrare certo, tutti siamo innocenti fino a prova contraria. Però fa sempre un certo effetto vedere che chi aveva costruito una carriera politica su una serie di moralismi al contrario, di superiorità morale, finisca in questo modo; forse i giudici sono davvero "matti" come diceva il nostro - di nuovo - presidente del consiglio nel 2004.

Siamo in un eterno ritorno che Nietzsche se lo sarebbe sognato. Rinnovo l'appello: se c'è una destra normale, si faccia viva.

Foto: ziodave, Flickr

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO