Su Paris Match, la Siria e la storia di Omar, risvegliano l'orrore delle armi chimiche


La strada è vuota, e i feriti sono annientati, ridotti a brandelli in un clima da guerra civile più volte evocato, e ripreso nell'ultimo numero del settimanale francese Paris Match. E' una bomba dal fumo giallo quella che descrive Omar, un ragazzino siriano di 13 anni che da due mesi non ha più nemmeno un aspetto umano e consuma i suoi giorni in una sofferenza che i medici non riescono a lenire che in maniera estremamente superficiale. Da giorno in cui quello strano ordigno esploso ad Homs, gli ha tolto tutta la sua famiglia (anche se nessuno ha ancora avuto il cuore di dirgli che i suoi cari sono tutti morti soffocati in quello stesso bombardamento che lo ferito nel profondo) e ahimè, anche molto di più.
A raccontare è Ghazi Aswad, uno dei dottori che si prende cura di lui e che non esita a dire le cose per quelle che sono, Omar è "un morto vivente", tutti gli fanno paura e le sue ore sono scandite dal dolore, come quelle di tanti altri pseudo-sopravvisssuti di una guerra fantasma.
Il chirurgo che segue il tredicenne è amaro e non tace, con la voce stretta di collera, nessun particolare di quelle ferite cosi' inusuali:

"Il momento in cui tutto ha tremato, è stato quando abbiamo visto arrivare quelli e quelle come Omar, sui quali all'inizio non capivamo nulla, prima di concludere che avevamo a che fare con dei feriti che senza dubbio dimostravano sintomi di bombardamenti con armi chimiche". Ustioni sottocutanee o che divoravano la pelle, vesciche, irritazioni, deformazioni fisiche, perdita di capelli e della memoria, défaillances del sistema nervoso, dolori muscolari e ossei, malesseri, nausee, attacchi di febbre, astenie, paralisi tutto il loro organismo vacilla, nessun trattamento adeguato e spesso la morte. "Il catalogo di un orrore che mangia anche noi".

La narrazione getta più di un ombra sul regime responsabile e sulla comunità internazionale non abbastanza ferma.

Photo by SARKIS KASSARJIAN/AFP/Getty Images.

Via | parismatch.com

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO