Formula 1 a Roma, è quasi fatta. Monta la polemica politica



Incredibile, ma vero: è quasi fatta. Il circuito di formula uno a Roma verrà effettivamente costruito e non è più una burla (prima estiva, ora di Natale).

L'accordo con Ecclestone, il gran capo del circo a 4 ruote, è stato raggiunto in un tripudio nazionalpopolare guidato dal sindaco capitolino Gianni Alemanno. Anche il tracciato è stabilito da tempo (lo trovate nella mappa di cui sopra) e rimane da capire come la capitale pensi di gestire i cantieri nel caos terrificante della città più trafficata d'Italia.

Ricordando che noi ne avevamo già parlato molto tempo fa, pensando che si trattasse di poco più di uno scherzo e sottovalutando le menti pericolosamente vulcaniche di qualche nostro politico, passiamo alle reazioni dei partiti.

Da sinistra tutti contrari. I Verdi in primo luogo e per ovvi motivi, ma anche dal Pd arrivano parole cariche di sdegno. MOsca: "L’Italia non ha bisogno di un altro GP. Le risorse alle urgenze del paese." Anche la Lega Nord si schiera contro in un impeto di campanilismo a favore del vigente Gran Premio Nazionale di Monza.

E dunque? Mah. Non ci resta che chiudere con le parole di Alemanno: "Pensiamo che il Gran Premio di Roma sia molto importante e siamo favorevoli. Tra l'altro sarebbe un viatico per le Olimpiadi del 2020, una proiezione internazionale di Roma. E non è vero che è in alternativa a Monza, è integrativo".

O tempora, o mores.

  • shares
  • Mail
23 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO