Silvio Berlusconi: “Il 2010 sarà l’anno delle riforme”



Durante una telefonata a Don Piero Gelmini, responsabile di “Comunità Incontro”, Silvio Berlusconi ha annunciato che il prossimo anno sarà dedicato alle riforme oltre che alla tanto attesa ripresa economica.

“L’anno prossimo – ha dichiarato Silvio Berlusconi - faremo tutte le riforme istituzionali, in tutte le direzioni. Questo è l’unico modo per rimodernare lo Stato in tutti i suoi comparti. La maggioranza è solida e coesa. Due italiani su tre sono con il centrodestra”.

Con un partito la cui comunicazione vira sempre più verso a quella che tentò di fare Riccardo Schicchi per lanciare Moana in politica. Oggi, tanto quanto ieri, il Premier parla di amore dimenticandosi però che per il Paese è meglio un amministratore freddo, ma efficace, che uno caldo, ma effimero.

Tanto quanto la maggioranza di cui proclama le gesta. La cui coesione deve essere confermata in ogni momento. Malgrado abbia tutte le carte in regola per riformare il paese, la coalizione di Silvio Berlusconi ricorre spessissimo al voto di fiducia che gli italiani hanno comunque riposto in lui nel 2008.

Da allora ad oggi perché il Governo non ha attuato le riforme che ha promesso per il 2010? Troppo impegnato a fare altro? Forse.

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO