Richiesta di arresto per Berlusconi? Anche il Pd direbbe sì

Tra i tanti e notevoli problemi che Silvio Berlusconi sta affrontando in questo periodo, il maggiore al momento è la possibilità che la procura di Napoli - dopo aver fatto richiesta di giudizio immediato per il Caso De Gregorio - faccia anche richiesta di arresto al Parlamento.


È stata proprio questa voce una delle cause che ha scatenato la nuova guerra tra Pdl e magistratura che Napolitano cerca faticosamente di placare.

Ieri il capogruppo al Senato del Movimento 5 Stelle, Vito Crimi, ha detto che sì, il loro gruppo voterebbe a favore della richiesta di arresto. Il Partito Democratico per un po' ha taciuto, ma oggi è uscito allo scoperto con Maurizio Migliavacca, uno degli uomini più vicini a Pierluigi Bersani.

"Se in Parlamento arrivasse una richiesta di arresto per Silvio Berlusconi e gli atti fossero corretti e fondati, il Pd non avrebbe alcuna preclusione a dire sì. Noi rispettiamo il lavoro dei magistrati"



E a questo punto è evidente che la situazione per Berlusconi si fa molto pesante: Movimento 5 Stelle e Pd, insieme, hanno la netta maggioranza dei seggi al Senato, la camera che eventualmente deciderà per il senatore Berlusconi. Qualche speranza che l'ala garantista del Pd possa prendere il sopravvento ancora c'è, ma se l'M5S si mette su una linea giustizialista che - soprattutto se nei confronti di Berlusconi - piace anche a molti degli elettori del Pd, il partito guidato da Bersani non potrà che mettersi in coda. Ma prima, bisogna vedere se effettivamente la richiesta d'arresto effettivamente arriverà.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO