Abbandonati gli edifici del G8 in Sardegna: decine di milioni di euro buttati


Tra le tante sbruffonate di Mister B, lo spostamento del G8 dalla Maddalena a L'Aquila probabilmente è una delle più teatrali e di quelle più costose. Come vedete nel servizio di Repubblica, le strutture create per l'occasione, che avrebbero dovuto portare turismo e sviluppo ed essere riutilizzate evitando lo spreco di denaro pubblico, giacciono in stato penoso.

Lavori lasciati in sospeso, tetti che cedono, alberghi vuoti e abbandonati, centri benessere affacciati sul mare che non hanno mai visto un solo cliente. Il tutto per una spesa complessiva di appena 300 milioni di euro: piccolo pegno da pagare alle esigenze di grandeur di Silvio III.

L'opera più clamorosamente inutile sembra l'hotel a 5 stelle (tutte spente): ci sono voluti 75 milioni di euro per sistemarlo, 742 mila euro per stanza. Ed è chiuso, tanto uno che ha 5 ville sull'Isola, mica va in albergo...

Aggiornamento: ''Le inchieste e i servizi giornalistici di questi giorni non ci lasciano tranquilli. Occorre fare luce sullo stato dei lavori, sul perché certi edifici siano stati abbandonati a sé stessi, e perché non si è verificato il tanto auspicato rilancio dell'isola. [...] Si evince il grave stato degli edifici: abbandono, spreco di milioni, soffitte che cadono, alberghi non completati, locali in degrado. Chiediamo a Guido Bertolaso di occuparsi quanto prima della faccenda, per fare immediata chiarezza sulla questione''. Così Bruno Murgia e Fabio Granata, deputati del PDL, annunciano una interrogazione a risposta scritta riguardante lo stato dei lavori del G8 mai tenuto a La Maddalena.

  • shares
  • Mail
29 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO