Regione Sicilia: dopo le polemiche Crocetta licenzia Battiato

Tutto nasce dalle parole del cantautore sulle tro*e in Parlamento.

Si era capito come sarebbe andata a finire: le parole di Battiato sulle tro*e disposte a tutto in Parlamento hanno sollevato il solito vespaio, con la pubblica reprimenda del presidente del Senato Boldrini e di tutto lo schieramento politico. A niente sono servite le precisazioni di Battiato, il fatto che le parole fossero state estrapolate dal loro contesto. L'artista e assessore alla Turismo della Regione Sicilia è stato silurato dal presidente Crocetta.

"Quando si sta nelle istituzioni, si rispettano e si rispetta la dignità delle istituzioni medesime e, nel caso di Battiato sicuramente si è andati ben oltre e si è violato il principio della sacralità delle stesse. Siamo orgogliosi di appartenere al popolo italiano e di avere un Parlamento, l'espressione della sovranità del popolo e della partecipazione dei cittadini alla vita democratica. Quando si offende il Parlamento, si offende tutto il popolo italiano e ciò non è consentito a nessun componente delle istituzioni"

E quindi, incarico revocato, scuse pubbliche da parte della regione e Battiato che conclude così la sua neonata carriera politica. Tra l'altro, è stato revocato l'incarico anche al fisico Antonino Zichichi, al quale aveva assegnato la delega ai Beni culturali.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO