Passa il legittimo impedimento: ok dal Senato alla legge ad personam

berlusconi legittimo impedimentoE così è chiaramente passato: il legittimo impedimento è diventato legge della Repubblica Italiana. Parliamo chiaro: è un provvedimento ad personam che non avrebbe avuto alcun motivo di esistere se come Primo Ministro non ci fosse stato Silvio Berlusconi. E' una norma cucita dai suoi sarti parlamentari: i suoi legali, trasbordati nell'emiciclo nel corso delle varie legislature. Come è andato lo scrutinio di ieri? E' presto detto:

Nella prima votazione a favore hanno votato 168 senatori; 132 i contrari, 3 le astensioni. L'aula di palazzo Madama ha quindi votato a favore anche della seconda fiducia , quella relativa all'articolo 2. Per il sì si sono espressi 168 senatori della maggioranza, 132 i contrari (Pd, Idv e Udc) e 3 sono stati gli astenuti

Il legittimo impedimento prevede, per la precisione - ce lo spiega benissimo questo pezzo de La Stampa - che...

il presidente del Consiglio, chiamato a comparire in udienza in veste di imputato, costituisce legittimo impedimento «il concomitante esercizio di una o più delle attribuzioni previste dalle leggi o dai regolamenti»

Magia delle magie, chi certifica questo concomitante esercizio? Ma naturalmente la Presidenza del Consiglio, in uno dei più classici casi in cui il controllore è anche il controllato. Siamo in Italia, che credete?

A certificare che esiste un impedimento «continuativo e correlato allo svolgimento delle funzioni», sarà la Presidenza del Consiglio. In questo caso il giudice rinvia il processo «ad udienza successiva al periodo indicato che non può essere superiore a sei mesi»

E con questo, siamo circa alla ventesima leggina taylor made. Per sapere le altre, vi consiglio il volume Ad Personam di Marco Travaglio, di cui trovate una recensione su Booksblog.

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO