Francia: tassazione al 75% anche per le squadre di calcio

Le squadre di calcio francesi si preparano a momenti duri, dato che la stretta del governo d'oltralpe sulla tassazione degli alti redditi applicata alle società, toccherà anche le società sportive.


La dichiarazione proviene dall'entourage del Primo Ministro francese Jean-Marc Ayrault e smentisce le affermazioni di Noël Le Graët, presidente della FFF (Fédération française de football) che solo ieri aveva affermato di aver ricevuto l'assicurazione che i clubs professionisti sarebbero stati risparmiati dalla "scure fiscale", in quanto PME (petites et moyennes entreprises, cioè aziende di media e piccola entità).
Secondo i collaboratori del governo, Ayrault avrebbe incontrato l'alto dirigente della federazione a dicembre, ben prima della bocciatura del primo progetto da parte del Consiglio Costituzionale e della sua nuova versione rilanciata dal presidente Hollande in occasione della recente intervista televisiva rilasciata in diretta ai microfoni di France 2 giovedì 28 marzo 2013.
In realtà "tutte le imprese che versano stipendi superiori a un milione di euro" sarebbero interessate dalla futura tassazione, una forchetta che comprende numerose grandi società di calcio che si preoccupano del loro "futuro" nel caso in cui, quella che era una delle proposte più "pesanti" della campagna elettorale di Hollande, diventasse legge. Una preoccupazione confermata dalle proteste di Frédéric Thiriez, presidente della Ligue de football professionnel (LFP), che si è espresso in un comunicato sostenendo che la tassa rischia di "strangolare le squadre", valutando a circa 82 milioni di euro, il costo del provvedimento per i soli club di prima divisione (Ligue 1), che perderebbero così buona parte della loro competitività e forse anche alcuni dei loro simboli pagati letteralmente "a peso d'oro".

Photo by FRANCK FIFE/AFP/Getty Images.

Via | leparisien.fr

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO