Pd, via crucis permanente. Renzi, dagli spot alla politica?

Difficile vedere la luce in fondo al tunnel di una situazione politica mai così intricata perché partiti e leadership sono incartati dentro se stessi, in una spirale di potere, non reggono alla disgregazione del rapporto fra politica e cittadini, incapaci di interpretare e affrontare la devastante crisi economica e le novità della globalizzazione. Lo stesso Partito Democratico, l’unico che ha provato e riprovato a riformarsi e a riformare la politica, non riesce a gettare la maschera, perché non ha una propria identità, vive alla giornata sulla spinta delle proprie beghe interne, non indica, privo di un progetto, una prospettiva strategica. E’ il partito che ragiona (poco e male) sulla propria natura, con un corpaccione che convive in crisi permanente di identità perché resta uno “spezzatino”, deciso a preferire una sconfitta ottenuta da soli piuttosto che una vittoria da guadagnare e gestire con altri, specie se considerati nemici. Il Pci e la Dc erano capaci di gesti

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO