Paderno: Lega Nord nega la sepoltura ad una neonata islamica

Quanto segue è esplicitamente rivolto agli elettori leghisti. Fermo restando l’assenza di proposte alternative a Silvio Berlusconi, a destra come a sinistra, mi chiedo se un gruppo di persone senza pietà sia meritevole di governare.

Soffermarci solo su quanto è successo ad Adro, comune del bresciano gestito da un’amministrazione leghista che ha polemizzato pubblicamente contro l’imprenditore anonimo che si è offerto di saldare il debito a causa del quale veniva negato il servizio mensa a dei bambini, non fa capire bene i limiti dei seguaci di Umberto Bossi.

A Paderno (in provincia di Udine), come riporta questa mattina l’Unità, la Lega Nord sta contrastando l’amministrazione di centro-sinistra che ha acconsentito alla sepoltura di una neonata di religione islamica nella parte del cimitero organizzata per tutte le persone che non professano il cattolicesimo.

Quanto sta succedendo a Paderno evidenzia due limiti della Lega Nord. Il primo è relativo al rispetto delle regole. Una parte del cimitero locale è già stata destinata ai defunti non cattolici, la sepoltura della piccola defunta non sarebbe quindi un eccezione.

Il secondo è invece riguardante il concetto di pietà. Supponiamo, per assurdo, che l’amministrazione locale facesse un’eccezione davanti ad una morte più che prematura che il destino ha consegnato ad una famiglia extracomunitaria.

Possibile che nelle tasche dei paladini della famiglia non sia rimasto un briciolo di pietà da usare in circostanze come queste? Sì. Evidentemente sì.

Non chiedetevi poi perché alcuni immigrati siano così tanto incattiviti da far rissa. A violenza rispondono violenza. Ahimè.

  • shares
  • Mail
103 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO