Il 5 per 1000 ad Emergency: un sostegno concreto a chi non crede nelle guerre


Una celebre canzone di Francesco De Gregori domanda provocatoriamente "Tu da che parte stai? Stai dalla parte di chi ruba nei supermercati? O di chi li ha costruiti? Rubando?". Si tratta del tipo di interrogativo da porsi quando ci si trova di fronte allo scontro tra un governo corrotto, eterodiretto e basato solo sulla presenza di decine migliaia di militari stranieri (la cui presenza è di dubbia legittimità e utilità) e una organizzazione umanitaria che si occupa di prestare soccorso alle vittime di una guerra praticamente infinita.

In Afghanistan la missione non è compiuta: ogni inchiesta indipendente lo dimostra. Il territorio sotto controllo internazionale (cioè occupato dalle truppe Nato) è una esigua minoranza dello Stato, mentre coloro che dovrebbe guidare la rinascita afgana sono implicati in omicidi e traffico di droga (per non parlare dei miliardi di dollari spariti nel nulla).

Sabato 17, a Roma, ci sarà la manifestazione in favore di Emergency, dopo l'arresto dei suoi operatori. Ma questo è anche periodo di Unico, 730, insomma di tasse. Quale migliore occasione, quindi, di fare una scelta di campo tra chi la pace pensa di costruirla ammazzando i civili e chi invece aiuta le vittime: il 5 x 1000 per Emergency è un bel segnale, umanitario e politico.

  • shares
  • Mail
30 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO