Raimondo Vianello: contestata la partecipazione ai funerali di Silvio Berlusconi

Per quanto Silvio Berlusconi sia solito adottare uno stile di vita non condivisibile va precisato che contro di lui si concentrano, talune volte, delle vere e proprie nevrosi. Secondo un avvocato di San Benedetto del Tronto il Presidente del Consiglio, in quanto divorziato, non poteva ricevere la comunione durante i funerali di Raimondo Vianello.

A nulla è servita la precisazione del sacerdote che ha dispensato il sacramento a Silvio Berlusconi. Intervistato proprio per il caso scoppiato attorno al suo operato ha precisato che non poteva ricordare durante quella funzione religiosa all’esponente politico cosa un bravo fedele è solito fare.

L’avvocato avrebbe accesso questa polemica affinché il Papa, reduce da un incontro con le vittime di alcuni pedofili ecclesiastici, apra anche alle persone divorziate il sacramento dell’eucarestia.

Se Silvio Berlusconi, al di là delle richieste del singolo, avesse deciso di condividere con i suoi concittadini i privilegi che alla maggior parte degli italiani viene negata probabilmente ad oggi la prostituzione sarebbe disciplinata a livello legislativo.

  • shares
  • Mail
59 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO