25 aprile violento. Polverini contestata, Zingaretti ferito a un occhio


Ci risiamo. Non sono bastati gli appelli dei giorni scorsi e gli avvertimenti riguardo al fatto che il 25 aprile potesse completare la sua definitiva metamorfosi nella festa della violenza. Doveva anche questa volta scapparci la gazzarra e il ferimento del Presidente della Provincia Nicola Zingaretti (nella foto) per definitiva conferma.

I fatti: sul palco delle autorità, come di rito, si apprestavano a prendere la parola i tre numeri uno della capitale. Il sindaco Alemanno e i governatori della provincia Zingaretti e della Regione Renata Polverini.

Quest'ultima è stata ovviamente accolta al grido di Fascista, fascista, tornatene a Casa Pound, e fatta oggetto di lanci di qualunque cosa; rinunciando così a parlare. In seguito i lanciatori hanno continuato la loro opera lungo il corteo, manifestando tuttavia una pessima mira se tra i 3 sono andati a colpire proprio l'unico rappresentante di sinistra, Nicola Zingaretti.

Quest'ultimo, colpito da un limone all'occhio, ha dovuto precipitosamente lasciare la manifestazione per accertamenti medici. I facinorosi saranno soddisfatti di aver dimostrato che a più di 60 anni dalla fine della Seconda guerra mondiale ancora il paese non ha dimenticato... già. Dimenticato cosa? Andate a chiedere ai violenti se abbiano mai aperto un libro di storia.

L'ignoranza alligna nei cervelli degli stolti.

  • shares
  • Mail
28 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO