Implosione in vista. Chi salta ... l'asticella?


Mentre il Governo spande e spreca (non ci sono soldi solo per il 150° dell’Unità d’Italia!...), sugli italiani pende la spada di una nuova manovra-purga da cavallo, una stangata da 25 miliardi, cioè altri pesanti sacrifici per quel Paese che tira la carretta.

A raccontare ciò che avviene e ciò che aspetta il Belpaese, si passa da “menagrami”. Tant’è. E’ accaduto altre volte. E si sa come finì. E qui, come finirà adesso?

Il Governo non c’è. Il Pdl è sotto la scure giudiziaria, un vero e proprio tiro al piccione. Fini è un lanciafiamme inesauribile contro Premier, esecutivo e maggioranza. Bossi non ne può più e minaccia di andare oltre lo sfogatoio del federalismo. Tant’è che il presidente del Veneto Zaia vuole un cantone nordista con le regioni oltreconfine, che equivale alla secessione.

Il logoramento dell’intera baracca è nei fatti ed è sancito con i numeri in rosso dei sondaggi. Il Premier, giù negli indici di gradimento, è al limite di una crisi di nervi, e teme la debacle. Con i suoi parla di “allarme” e di “emergenza”.

Cos’è tutto questo se non una immensa nube nera che presto provocherà una grandinata tremenda? L’aria di crisi si taglia col coltello. Solo il Pd, impegnato non si sa in che cosa (a parte il dividersi su Fini “sì”, Fini “no” ), non la vede.

Sarà implosione. E sarà meglio prepararsi al voto. Per tempo. Chi salta l’asticella?

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO