Presidente della Repubblica: Pippo Civati «Perché il Pd scarta Rodotà?»

Il parere dell'esponente Pd sulla corsa al Colle

pippo civati pd lombardo

È un Pippo Civati molto critico nei confronti del suo partito quello che ha parlato poco fa alla trasmissione Panama di Radio Popolare. Critico soprattutto per il metodo utilizzato dal Pd e dal suo segretario Bersani per trovare un nome condiviso da portare al Quirinale: già qualche giorno fa si era detto contrario all'ipotesi di accantonare Prodi solo per fare un favore al centrodestra, oggi torna alla carica chiedendosi per quale motivo il Pd non prenda in considerazione Stefano Rodotà.

Sapevamo sin da ieri della rinuncia di Milena Gabanelli e Gino Strada, il nostro alleato Nichi Vendola ha detto che voterebbe per Rodotà, e allora per quale motivo il Pd non lo fa? L'unico motivo per non votare Rodotà sarebbe per una scelta istituzionale come Romano Prodi, ma se così non deve essere… Stiamo scegliendo il Presidente per l'unità nazionale o per i problemi giudiziari di Berlusconi?

Civati è consapevole che Pd e M5S non hanno i numeri per eleggere ai primi tre scrutini Rodotà, quindi:

Sarebbe più serio dire che ci muoviamo solo dalla quarta votazione, ma questo non deve valere solo per Rodotà ma in generale. Se Rodotà non va bene devono spiegare molto bene il motivo, se il motivo è che non piace a Berlusconi questo non è un motivo valido.

Civati poi fa il nome di Emma Bonino, che potrebbe piacere anche a Berlusconi, ma annuncia che non voterà Amato se sarà la scelta ufficiale del Pd, mentre non si esprime sugli altri possibili candidati di cui si parla in queste ore. Civati non conferma che ci sarebbe un accordo tra Pd e Pdl su Sergio Mattarella:

In questi giorni se ne sentono di tutti i colori: Amato, Marini, adesso Mattarella. Io non ho parole.

L'esponente Pd conferma le difficoltà nel Pd, ma aggiunge che se ci fosse un accordo tra Pd e Pdl su un presidente gradito a Berlusconi gli elettori la prenderebbero male. E sul dialogo con i 5 Stelle:

Il dialogo con il Movimento cinque stelle è già iniziato, siamo noi che non rispondiamo. Ieri Grillo ha detto che se c'è la disponibilità a votare Rodotà, loro sono disponibili ad aprire la discussione sul governo. C'è anche una cinquantina di parlamentari grillini pronti a votare Prodi, ma se non vogliamo vedere le cose non le vediamo…

Domattina ci sarà la riunione dei parlamentari Pd, e Civati scommette che si arriverà al quarto scrutinio.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO