Un D'Alema irato dà del "berluschino" a De Benedetti


Non è piaciuto a Massimo D'Alema il pesantissimo attacco di Carlo De Benedetti che, nel colloquio con Paolo Guzzanti nell'ultimo libro del giornalista "Guzzanti vs De Benedetti", si era scagliato sulla dirigenza del Pd.

Almeno Silvio Berlusconi ha fatto qualcosa. D'Alema e quelli come lui non hanno fatto niente. E Bersani? Eccellente ministro e di lui come persona e uomo di governo posso soltanto dir bene, ma come leader è totalmente inadeguato. Lui e D'Alema stanno ammazzando il Pd

L'ex ministro degli Esteri non ha affatto apprezzato e infiammando la polemica e non negando la sua ormai cronica antipatia per l'editore di Repubblica ha risposto in maniera altrettanto forte

In nessun Paese del mondo si oserebbe dire a un uomo politico che siccome ha fatto politica, non ha combinato nulla nella vita. Di alti imprenditori che ambirebbero di fare i Berlusconi ce n'è anche da questa parte, anche da noi c'è un lungo elenco di persone che pretenderebbero di fare e di condizionare la politica. Di gente che fa il verso a Berlusconi ce n'è una sfilza. Sono berluschini, dei Berlusconi di serie B

Pur non nominandolo è palese il riferimento a De Benedetti e al suo tentativo di condizionare la politica tramite La Repubblica. Proprio a tal proposito l'imprenditore si era particolarmente arrabbiato, accusando la dirigenza del Pd di aver creato la leggenda del partito di Repubblica e del direttore Ezio Mauro prossimo leader dei democratici.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO