Presidente della Repubblica, Alessandra Mussolini e la sua t-shirt: "Il diavolo veste Prodi"

La senatrice de Il Popolo della Libertà ha spiegato cos'è accaduto oggi alla Camera.

La senatrice de Il Popolo della Libertà, Alessandra Mussolini, accompagnata dalla collega di partito, Simona Vicari, ha voluto ritagliarsi il suo spazio sui media, presentandosi alla Camera dei Deputati, durante la terza votazione per eleggere il Presidente della Repubblica, con una t-shirt con su scritto: "No questo no - Il diavolo veste Prodi".

Alessandra Mussolini, con questo gesto dimostrativo, ha ovviamente voluto dissentire pubblicamente contro la probabile elezione di Romano Prodi a Presidente della Repubblica. Durante la quarta votazione, infatti, il Partito Democratico e Sinistra, Ecologia, Libertà voteranno compatti il nome dell'ex leader de L'Ulivo, una decisione che ha mandato su tutte le furie Silvio Berlusconi, accordatosi precedentemente con il PD, sul nome di Franco Marini.

Tornando ad Alessandra Mussolini, la senatrice ha ulteriormente spiegato le sue ragioni durante la puntata odierna di Pomeriggio Cinque, mettendo in piedi il solito show sgraziato. Queste sono state le sue dichiarazioni:

E' successo qualcosa di incredibile, ritirare fuori il nome di Prodi, un uomo che ha introdotto l'euro, che ha impoverito l'Italia, che rappresenta il vecchio, a questo punto vuol dire che non è vero che il PD voleva trovare un'intesa con il PDL, rispettare un elettorato che ha ottenuto il 30%, mi tirate fuori Prodi che sta in Africa, lasciamolo in Africa! Io e la Vicari, in modo carino e garbato, siamo entrate in Aula, il Movimento Tre Stelle, due le hanno già perse, ci ha insultato perché loro voteranno Prodi, quando hanno visto la maglietta, sono diventati matti. Sono andata a salutare Grasso e la Boldrini ha detto che questa maglietta era una vergogna. Ma la vergogna vera è quello che state facendo voi che vi state prendendo tutto: Senato, Camera e Presidenza della Repubblica. Allora, la Boldrini mi ha richiamato all'ordine. Ma io sono senatrice, siamo alla Camera, salutame 'a mammeta!

La Mussolini ha continuato il suo sketch in televisione, cercando di portare Rosy Bindi e qualche esponente del Movimento Cinque Stelle davanti alle telecamere, tra le risate del pubblico divertito e la complicità della conduttrice del programma.

Al di là delle sue opinioni, in questo pezzo è ampiamente spiegato perché un personaggio come la Mussolini non potrà mai essere preso realmente sul serio.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO