Auto blu e polvere bianca a Palermo: indagato un consigliere regionale Udc


Il primo a fare outing, anche se non del tutto volontariamente, fu il mitico Cosimo Mele, il parlamentare beccato a Roma in dolce compagnia di due escort (in realtà ai tempi ancora si chiamavano con termini meno automobilistici) e una certa quantità di polvere bianca (e non era forfora).

Poi, nel tempo, l'accostamento tra onorevoli e cocaina si è andato intensificando, facendola diventare uno status symbol del politico di successo. L'ultimo incidente occorso all'Udc in terra siciliana riporta in auge la C di cocaina, con un consigliere regionale (continuare a chiamarli onorevoli è davvero ridicolo) che è stato beccato per la seconda volta, la prima fu nel 2004, a comperare cocaina per uso personale.

L'unico piccolo problema dello stupefacente mercato riguarda il fatto che il consigliere, tale Salvatore Cintola, avrebbe mandato la sua segretaria, a bordo dell'auto blu, a fare shopping per lui. La cosa, se confermata, andrebbe a rinforzare la necessità di tagliare la auto blu invece della polvere bianca. E, come al solito, complimenti a Cesa e Casini per scelta dei compagni di strada.

Aggiornamento: sulla Stampa leggiamo che Salvatore Cintola ha dichiarato "Odio la droga e non ne ho mai fatto uso. Ci sono coloro che premono per farmi apparire come non sono; la politica per me è una missione, ma mi sono accorto che è un letamaio spaventoso. Il tempo, però, è galantuomo. Respingo le accuse con sdegno assoluto". Intanto Lorenzo Cesa ha proposto di espellerlo dal partito e dal gruppo regionale.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO