Ore 12 - Bossi minaccia e ... "abbaia alla luna"

altroIl detto “chi disprezza compra” non vale per tutti. Non vale per Umberto Bossi, che continua a sparare a pallettoni (per ora solo metaforicamente) contro l’Udc perché “Casini fa solo casino”.

Perché questa pregiudiziale del Senatur contro i centristi?

Il leader del Carroccio sa bene che il patto di ferro con il Cavaliere è solo legato ai rispettivi interessi. Tu fai ciò che vuoi sulla giustizia e io faccio ciò che voglio sul federalismo. Una spartizione delle vacche, sulla testa del Paese, sempre più in affanno.

Ma di questi tempi, niente è più certo. Se una corazzata come il Pdl si è incagliata sul primo scoglio sbracando la maggioranza, figurarsi se le (quasi certe) elezioni anticipate possono garantire il replay del voto del 2008 e consentire al centrodestra un bis vittorioso.

Il grido di Bossi rivolto agli avversari: “li polverizzeremo” è un segnale di debolezza, un po’ come chi s’attacca alla bottiglia per darsi forza. I sondaggi danno il Pdl in caduta libera (26-28%), con il rischio, addirittura, di un sorpasso del Pd.

Ecco perché il Cavaliere teme le urne, ultima carta, solo se costretto, ed ecco perché mette le mani avanti e cerca disperatamente di riportare a casa Casini e l’Udc. Due piccioni con una fava: cercare di vincere le elezioni e tagliare le unghie a Bossi, rendendolo meno … “prepotente”.

Ma Bossi fiuta il pericolo: Berlusconi vuole aggirarlo per … “sostituirlo” nella maggioranza. Il Senatur ha paura perche' capisce bene che se il Centro cresce, la Lega perde la sua decisivita': vuole le elezioni anticipate nella speranza di fermare la crescita del Centro.

Il "padano" sente che questo Centro può rappresentare il futuro e lui non vuole essere relegato nel passato. Sa che sarà Casini, non certo la Lega, che deciderà, quando lo vorrà (d’accordo con Fini), se fare un altro governo oppure no.

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO