Movimento 5 Stelle: Casaleggio e le lezioni di economia ai parlamentari

Il guru dell'M5S parlerà con i deputati e senatori che siederanno in commissione Bilancio. Portando con sé le sue teorie liberiste. E non vuole sentir parlare di uscita dall'Euro e scenari simili.

Gianroberto Casaleggio si prepara a impartire qualche lezione di economia ai deputati del Movimento 5 Stelle. Lezioni indispensabili visto che le commissioni stanno per cominciare i lavori, e soprattutto in quella dedicata al Bilancio non bisogna farsi trovare impreparati. Ed ecco che il guru dell'M5S incontrerà parlamentari e senatori pentastellati giovedì e venerdì, portando con sé il frutto del lungo tour fatto nel nordest per parlare con gli imprenditori: cercando di capire le loro idee, le loro esigenze e quanto di tutto questo possa essere portato nel Movimento 5 Stelle.

Ma qual è l'idea di economia di Casaleggio? Per molti versi ricorda quella originale di Forza Italia e della Lega (anche se questa cosa farà arrabbiare molti sostenitori delle 5 Stelle): liberismo spinto - non a caso l'M5S è apertamente antisindacalista -, meno tasse e meno burocrazia con una spruzzata di anticasta che non fa mai male. Questi sono i principi base che il guru del MoVimento ha portato in tour e che hanno saputo raccogliere l'interesse dei molti, soprattutto tra i piccoli imprenditori, che hanno smesso di credere in Berlusconi e nella Lega di Maroni.

Sono questi i principi base che verranno spiegati ai deputati e senatori che siederanno in commissione Bilancio, tesoro e programmazione. Che a loro volta racconteranno a Casaleggio i loro principali obiettivi: microcredito, riduzioni fiscali per le piccole e medie aziende, abolizione dell’Irap. Ma c'è un punto che non dovrà essere superato: quello della macro-economia.

Che significa? Il fatto è che Casaleggio si attende dai deputati discorsi pragmatici e non voli pindarici. Ma molti deputati appassionati di teorie economiche in questo periodo si stanno lanciando parecchio in là, dando voce all'euroscetticismo di molti grillini e provando a individuare nuovi scenari post-euro. Come racconta La Stampa:

I più temerari analisti-cittadini Cinque Stelle ritengono che gli scenari possibili siano quattro: il mantenimento dello stato attuale, la revisione completa degli accordi con Bruxelles, un doppio euro (più leggero in Italia e più pesante in Europa) o, il preferito, la lira in Italia e l’euro oltre confine.

Ma questi sono argomenti che Casaleggio non vuole nemmeno sentir nominare.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO