Umberto Ambrosoli non commemora Andreotti


Tre anni fa, in una puntata de La Storia siamo noi, Giulio Andreotti commentava così la morte di Giorgio Ambrosoli:

Se l'andava cercando

La parziale giustificazione del Senatore a vita, già sette volte Presidente del Consiglio, per quella affermazione non fu molto dignitosa. Andreotti dichiarò di aver usato un gergo romanesco che fu travisato dalla stampa. Tale precisazione non bastò a placare lo sdegno di Umberto Ambrosoli, figlio dell'avvocato milanese che l'11 Luglio del 1979 fu assassinato da un sicario ingaggiato dal banchiere siciliano Michele Sindona.

Sindona, appartenente alla loggia massonica P2 e uomo di fiducia della mafia, maturò la sua scelta di eliminare Giorgio Ambrosoli a seguito della sua nomina a commissario liquidatore della Banca Privata Italiana, di cui il banchiere stesso era alla guida.
E'noto che Andreotti intrattenne rapporti con l'uomo d'affari siciliano, che accolse "positivamente" il suo ingresso nella loggia di Gelli e che lo definì "salvatore della lira" poco prima del "crack Sindona".
Alla luce di questa vicenda oscura e intricata, che abbiamo riassunto molto sommariamente, la risposta di Umberto Ambrosoli, oggi coordinatore dei gruppi di centrosinistra in Regione Lombardia, all'infelice frase di Andreotti, fu ferma e sdegnata:

L’episodio, che si commenta da solo, evidenzia un modo di ragionare che mette al primo posto l’interesse personale. Questo è esattamente all’opposto di quello che è stato l’esempio di mio padre e fa emergere come sia necessario ancora oggi nel mondo politico riaffermare il concetto di responsabilità pubblica

Oggi Ambrosoli ha deciso di lasciare l'aula del Consiglio regionale lombardo che ha dedicato un minuto di silenzio ad Andreotti ed un ricordo, affidato alle parole del Presidente del Consiglio regionale Cattaneo (Pdl). Nel discorso di commemorazione, l'ex Senatore a vita è stato lodato per la sua temperanza e il rispetto delle istituzioni. Tramite il suo staff Ambrosoli ci ha tenuto a far sapere che ha preferito non esserci, anche per non alimentare polemiche in rispetto alla morte di una persona.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO