Berlusconi racconta barzellette. Ma Fini, Casini, Rutelli (col Pd) pronti a scalzarlo

Dopo il giro di boa della fiducia alle Camere, anche il Pd, come Berlusconi, fa buon viso a cattiva sorte.

La differenza è però sostanziale: il premier, (di fronte alla crisi del Pdl e al dolorosissimo riconoscimento del Fli quale fondamentale terza gamba della maggioranza), è costretto alla “difesa”, sotto il tiro di Bossi da una parte e Fini dall’altra.

Mentre il partito di Bersani, (forte della nuova maggioranza interna con Franceschini-Fassino-D’Alema-Letta) senza più la spada di damocle delle elezioni anticipate entro l’anno, può tentare un rilancio della propria azione politica. A tutto campo.

L’obiettivo è oramai uno solo: costruire una grande alleanza democratica per battere Berlusconi. Una vera e propria alleanza elettorale con il “terzo polo” di Casini, Fini, Rutelli, sganciando dal nuovo treno, il vagone dell’Idv. A spingere in questa direzione è la convinzione dell’agonia berlusconiana e, al di là dei tatticismi emersi nel voto di fiducia, della rottura definitiva dell’asse Berlusconi-Fini.

Tutte le carte vanno giocate per fare saltare un epilogo ritenuto aberrante ma non impossibile: con questa legge elettorale, grazie al premio di maggioranza, nuove elezioni produrrebbero un Parlamento in grado di portare Berlusconi sul … Colle. Insomma, la paura fa 90, stavolta in casa Pd.

In caso di voto (in primavera) “il Pd – dice Dario Franceschini - deve essere pronto per una ampia alleanza anche con il terzo polo per evitare che l’Italia finisca nelle mani di Berlusconi”.

Ma le minoranze interne (veltroniani e fioroniani) scalpitano e minacciano: la vocazione maggioritaria di Veltroni verrebbe definitivamente messa da parte, in quanto agli ex Popolari, missione finita, con un Pd di “sinistra”, alleato col il centro, rappresentato dal terzo polo.

Intanto, Casini, Fini, Rutelli fanno il primo test per il terzo polo,a Roma, su sicurezza, sviluppo, democrazia nel mondo. Fini lancia la sua sfida: “Siamo nella stessa Sala della Lupa, dove nel 1924 si riunirono i deputati che si opposero alla dittatura”. A Berlusconi fischiano le orecchie.

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO