Gianfranco Fini a Milano: cosa dirà al Derby?

fini milano derbyQuesta sera Gianfranco Fini sarà a Milano, al Teatro Derby: sarà interessante sentirlo, anche perché sono stati giorni movimentati per Futuro e Libertà. Il voto favorevole al Lodo Alfano in Commissione al Senato ha irritato buona parte del potenziale bacino elettorale di FLI, e questo potrebbe essere un appuntamento utile per fare il punto.

A Milano - quantomeno: nell'amministrazione locale - i finiani contano poco, ed è tutto in mano a un centrodestra di stretta osservanza berlusconiana. Letizia Moratti, che per quanto sindaco conta comunque poco, Riccardo De Corato, vicesindaco molto più potente del primo cittadino, Guido Podestà, a capo della Provincia.

Non citiamo neanche Roberto Formigoni, ciellino di ferro... insomma, se siete nei paraggi quello di stasera potrebbe essere un evento interessante. Vediamo dopo il salto di capire che cosa si è detto sul tema negli ultimi tempi...

L'evento, e i cartelloni, sono in giro per Milano da tempo. Si leggeva qualcosa sul Corriere il 12 ottobre scorso:

L'assessore finiano, ossia Giampaolo Landi di Chiavenna, chiede a Corsaro di fare un passo indietro («si dimetta») e a Letizia Moratti di fare un passo avanti e di «assumersi la responsabilità di aprire un tavolo con Pdl e Lega per riconoscere il ruolo di Fli in città». Intanto, all'Umanitaria, a porte chiuse, il senatore finiano Giuseppe Valditara ha chiamato a raccolta rettori (da Giulio Ballio a Francesco Profumo), associazioni, banche, imprenditori per un seminario dal titolo chiaro: «La questione settentrionale». «Noi non inseguiamo le croci celtiche - dice Valditara - vogliamo dare risposte concrete al Nord»

Sul sito di Generazione Italia ancora niente orari precisi, e poco o nulla d'altro

Il presidente della Camera, Gianfranco Fini, sara’ il 25 ottobre al Teatro Derby, nelle nuove vesti di leader di Futuro e Liberta’, a Milano per un incontro pubblico con simpatizzanti, militanti dei circoli di Generazione Italia e amministratori locali fuoriusciti dal Pdl.

Invece su Repubblica, alcuni giorni fa una gallery con Giampaolo Landi di Chiavenna - uno dei pochi assessori a essersi schierato dalla parte di FLI -

I militanti milanesi di Fli accoglieranno lunedì Gianfranco Fini, per il suo primo convegno nel capoluogo lombardo nelle vesti di leader futurista, indossando t-shirt di colore arancione, in ricordo della rivolta ucraina del 2004

Naturalmente anche qualche polemica, sulle pagine del Giornale, o meglio in uno dei suo blog:

L’avanzata di Fini, che anche al Nord comincia a strappare pezzi al Pdl (a Milano ha cambiato bandiera il presidente del consiglio comunale mentre si intensificano le voci di una ricandidatura di Albertini a sindaco sotto le insegne del Fli: e un ballottaggio Moratti-Albertini avrebbe un suo fascino oltre a mettere una lapide sulla sinistra) ha un’unica spiegazione: cresce il partito di chi scommette su un’immediata fine politica di Berlusconi. Nessuna idealità, pura tattica.

Io credo che farò un salto a sentirlo: in fondo è la seconda uscita dopo Mirabello. E poi dopo la Festa della Libertà, la Festa Democratica, e quella della Lega, potrei perdermi una serata simile?

Vedremo come va a finire. Se volete farci un salto anche voi, il Derby è in via Pietro Mascagni 8 a Milano (date un colpo per l'orario, che al momento è vago, ma dopo cena di sicuro: 02 76016352).

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO