Papa Francesco tuona contro lo strapotere delle banche

Papa Francesco ha puntato il dito contro l’attuale sistema economico mondiale: se calano gli interessi delle banche è una tragedia, ma se le persone muoiono di fame nessuno sembra preoccuparsene.

Papa Francesco tuona contro lo strapotere delle banche

Papa Francesco ha incontrato Angela Merkel e poi, nel pomeriggio, ha tuonato contro lo strapotere delle banche. Non so se le due cose siano collegate, però senza dubbio la concomitanza fa riflettere.

Bergoglio e Merkel si sono soffermati sulla situazione socio-politica, economica e religiosa in Europa e nel mondo. “In particolare – dicono dal Vaticano – si è parlato della tutela dei diritti umani, delle persecuzioni nei confronti dei Cristiani, della libertà religiosa e della collaborazione internazionale per la promozione della pace. Non è mancato, infine, uno scambio di vedute sull’Europa quale Comunità di valori e sulla sua responsabilità nel mondo, auspicando l’impegno di tutte le componenti civili e religiose a favore di uno sviluppo fondato sulla dignità della persona e ispirato ai principi della sussidiarietà e della solidarietà.”

Questo accadeva ieri mattina. Poi nel pomeriggio, durante la veglia di Pentecoste, papa Francesco, in maniera molto partecipata, ha detto alla folla presente in piazza San Pietro:

A causa della crisi la gente muore di fame ma ci si occupa di banche. Oggi, se calano gli investimenti delle banche è una tragedia, ma se la gente muore di fame non succede niente.

Quindi, riprendendo il tema della chiesa povera per i poveri che Francesco porta avanti fin dall’inizio del pontificato, ha continuato:

La crisi ha aggravato tutto. Penso alla povertà che affligge tutti i paesi e che si è affacciata anche nel mondo del benessere, alla mancanza di lavoro, ai movimenti migratori di massa, alle nuove schiavitù, all'abbandono e alla solitudine di tante famiglie, di tanti anziani e di tante persone che non hanno casa o lavoro.

Un’economia che guarda all’uomo

In questa settimana papa Francesco aveva già parlato delle difficoltà che scaturiscono dalla crisi finanziaria. Nel ricevere le lettere credenziali degli ambasciatori del Kyrgyzstan, di Antigua e Barbuda, del Lussemburgo e del Botswana, il papa ha parlato senza mezzi termini di dittatura dell’economia:

Una delle cause di questa situazione [di crisi], a mio parere, sta nel rapporto che abbiamo con il denaro, nell’accettare il suo dominio su di noi e sulle nostre società. Così la crisi finanziaria che stiamo attraversando ci fa dimenticare la sua prima origine, situata in una profonda crisi antropologica. Nella negazione del primato dell’uomo! Abbiamo creato nuovi idoli. L’adorazione dell’antico vitello d’oro (cfr Es 32,15-34) ha trovato una nuova e spietata immagine nel feticismo del denaro e nella dittatura dell’economia senza volto né scopo realmente umano.

Quindi ha puntato il dito contro la società dei consumi:

La crisi mondiale che tocca la finanza e l’economia sembra mettere in luce le loro deformità e soprattutto la grave carenza della loro prospettiva antropologica, che riduce l’uomo a una sola delle sue esigenze: il consumo. E peggio ancora, oggi l’essere umano è considerato egli stesso come un bene di consumo che si può usare e poi gettare. Abbiamo incominciato questa cultura dello scarto. Questa deriva si riscontra a livello individuale e sociale; e viene favorita!

Bilancio dello IOR sarà pubblico

In tutto questo, giunge la notizia che entro fine anno l'Istituto delle Opere di Religione – lo IOR – aprirà un proprio sito internet sul quale verrà reso pubblico il Rapporto Annuale sulle sue attività: bilancio pubblico, quindi, in nome di una maggiore trasparenza.

Inoltre, il presidente dello IOR Ernst von Freyberg, ha anche annunciato che la banca vaticana si rivolgerà a una nuova società internazionale di certificazione al fine di verificare il rispetto degli standard internazionali per il contrasto del riciclaggio.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO