Anche Bersani dà i "numeri" e mezzo Pd gli si rivolta contro

Quando si dice farsi del male da soli. Prendete Bersani: Berlusconi è lì lì per affogare, il Pd non si schioda dal 25% nei sondaggi perché sbilanciato a sinistra e che ti combina il buon Pier Luigi?

“Vogliamo verificare con Vendola, Di Pietro e i socialisti – dice - se possiamo costruire insieme una struttura stabile per un governo di centrosinistra, magari pensando a un gruppo parlamentare unitario. Non un patto occasionale, ma un percorso strutturale. Dobbiamo dare agli italiani garanzie sul fatto che non scherziamo. Con queste premesse - conclude Bersani - puo' nascere anche un discorso con Casini''.

Ecco, non scherziamo. Appunto.

Il primo a sparare contro è il “demo centrico” Marco Follini: “Non so quale demone della follia politica possa suggerire l’idea di un gruppo parlamentare comune tra Pd, Di Pietro e Vendola. Sarebbe una mutazione dei caratteri genetici del Pd. Mi auguro che la saggezza collettiva trovi il modo di far sentire la sua voce”.

La levata di scudi è (quasi) generale. Anche il compassato e serioso Bersani va a … marocchine?

  • shares
  • Mail
19 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO