Perla Genovesi: un altro scandalo a cocaina ed escort per il PdL?

perla genovesi facebook

C'è un'altra donna, oltre a Ruby-Karima, che sta facendo tremare Silvio Berlusconi e il PdL in questi giorni che la stampa estera ha definito di "fine impero". Ha trentadue anni, si chiama Perla Genovesi, e il suo è un nome che vi dirà poco ora come ora: ma di lei si parlerà parecchio nei prossimi giorni.

Chi è Perla Genovesi? C'è chi riassume la sua parabola così: da assistente di un parlamentare - nel 2005 era la portaborse di Enrico Pianetta, al tempo in Forza Italia e oggi deputato del PdL - a narcotrafficante. L'inchiesta è in corso a Palermo, e il Corriere del Mezzogiorno riassume così stamane in apertura:

Un giro di escort e droga: festini a luci rosse in cui succedeva di tutto e i cui protagonisti potrebbe essere diversi esponenti politici di centrodestra vicini a Berlusconi. Questo l'inquietante quadro al centro di un’inchiesta della Procura di Palermo. A raccontarla ai magistrati è una giovane trafficante di stupefacenti con un passato da assistente parlamentare: Perla Genovesi, 32 anni. La trentaduenne riferisce le confidenze di un’amica, un’escort italiana di 28 anni, su presunti party a base di cocaina e sesso a cui avrebbero partecipato anche uomini del Pdl

Una grana dopo l'altra per il PdL: e se il Rubygate è stato esplosivo, questo nuovo scandalo rischia di essere più logorante, soprattutto per gli esponenti di primissimo piano che rischiano di vedere associato il proprio nome all'indagine.

Per ora c'è da andare con i piedi di piombo. Arrestata nel luglio scorso - coinvolta in un'inchiesta sul traffico di stupefacenti tra America del Sud, Spagna, Olanda e Italia - dalla magistratura palermitana, Perla Genovesi ha iniziato a raccontare quello che sa. Ma per ora le sue dichiarazioni sarebbero ancora tutte da verificare, come si legge in un pezzo Nicola Biondo su l'Unità.

Prima di tutto perché oltre al narcotraffico, Perla Genovesi avrebbe anche raccontato delle confidenze ricevute da un'amica escort ventottenne, che avrebbe frequentato il milieu che ben avevamo imparato a conoscere all'epoca dello scandalo Villa Certosa e delle foto di Antonello Zappadu. Solo che si parla anche di Milano...


È ancora una donna senza volto quella che avrebbe partecipato ad alcune feste a base di sesso e droga nelle dimore di Silvio Berlusconi. Dopo il Noemi-gate e la Ruby-story , esce da un verbale raccolto dalla procura di Palermo l’ultima puntata dell’infinita serie di scandali che sta travolgendo il Premier. A parlare del «giro delle feste del Presidente» è Perla Genovesi (...) La donna, arrestata l’estate scorsa, ha raccontato ai pm palermitani Marcello Viola e Geri Ferrara delle confidenze ricevute da un’amica a proposito di alcune feste svolte nelle dimore di Berlusconi a Milano e in Sardegna. La protagonista, secondo Perla Genovesi, è una ragazza di ventotto anni, ex cubista, di professione escort. Ad averla introdotta nel mondo politico è stata proprio la testimone che nel 2006 la presentò al futuro ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta per la risoluzione di un problema personale, l’affidamento del figlio di pochi anni. Da quel momento – secondo la Genovesi – l’amica strinse alcune relazioni con altri politici, entrando in quello che lei stessa ha definito il «giro delle feste del presidente» nelle quali si sarebbe fatto uso di stupefacenti e di prestazioni sessuali in cambio di denaro. Tutto sarebbe avvenuto tra il 2009 e il 2010, secondo quanto riferito ai pm di Palermo, che adesso stanno cercando di individuare l’ex-cubista.

Ora l'inchiesta passerà nel capoluogo lombardo, per competenza territoriale: una bomba a orologeria destinata a esplodere nelle prossime settimane.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO