Effetto Vendola a Milano: chi è Giuliano Pisapia


Non si può certo etichettare come locale un voto come quello delle primarie milanesi di ieri, che, come ha anticipato il collega Paganini, incorona Giuliano Pisapia leader del centrosinistra e sfidante di Letizia Moratti (quasi certa la sua ricandidatura) per la poltrona di primo cittadino del capoluogo.

Il fatto che Pisapia fosse il candidato di Sinistra e Libertà rafforza pesantemente il trend che spinge Nichi Vendola a divenire il vero capo della sinistra con una sorta di ripetizione dell'effetto primarie pugliesi di qualche anno fa.

Pisapia ha battuto a sorpresa (ma neanche troppo) un Pd ultradiviso, i cui vertici hanno indicato l'archistar Stefano Boeri, mentre la base ne ha rifiutato l'aura radical-chic, riversandosi in parte su Onida.

Risultato finale: Pisapia 45,36%, Boeri 40,16, Onida 13. Sommando i voti degli ultimi due si sarebbe ottenuta una comoda vittoria e invece nada. Successo di Pisapia per una votazione che pur vedendo molti vip alle urne (e citiamo tra gli altri Guido Rossi, Massimo Moratti, Dario Fo e Franca Rame, Alessandro Profumo e Gae Aulenti) ha registrato una partecipazione deludente (67.000 circa contro l'obiettivo sperato di centomila, come rilevava il nostro Massimo Falcioni).

Resta da vedere se l'effetto Vendola impatterà anche sulla sfida finale, ma è difficile pensarlo in una città a prevalenza moderata coma la capitale morale del paese.

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO